Archivi tag: Il Cairo

Il Cairo : un viaggio in un mistero lungo millenni

Valutazione complessiva e livello di magia : 

lampada-magica-5

5/5

Un tuffo in una civiltà millenaria, un’atmosfera pervasa da mistero e fascino, una città che nasconde mille tesori, questo significa camminare tra le popolose vie di una delle metropoli più grandi del mondo: Il Cairo.

La città sorge sulle sponde del Nilo, proprio all’imbocco del suo fertile delta, ed ha una popolazione di circa 16 milioni di abitanti, che raddoppiano se si tiene conto dell’area metropolitana limitrofa.

Il Cairo
Il Cairo

Il Cairo è un mix di contraddizioni che la rendono una caotica e affascinante megalopoli, proiettata verso il futuro ma con radici profonde nel suo glorioso e tormentato passato, sempre in bilico tra la voglia di progresso e il rispetto della tradizione.

La sua storia, e quella dell’Antico Egitto non smettono di affascinare viaggiatori di tutte le epoche, e la rendono un luogo unico e straordinario da visitare.

CENNI STORICI

La civiltà egizia si sviluppa dal 3000 fino al 30 a.c. passando sotto il dominio di circa trenta dinastie di faraoni diverse, successivamente il paese fu attraversato da ondate di conquistatori stranieri, che lasciarono tutti tracce del loro passaggio e sono ben visibili anche nelle diverse anime che caratterizzano la città.

egypt-1244699_960_720

Il Cairo, capitale del paese è una delle città più densamente popolate del mondo e il suo nome  al-Qāhira significa La soggiogatrice.

E’ divisa in varie zone, ciascuna con una sua peculiarità e specifiche caratteristiche tutte da scoprire:

  • Il centro del Cairo è il cuore della città moderna con alcuni splendidi edifici ottocenteschi, a volte fatiscenti,  ricco di attività commerciali e sede di numerosi uffici;
  • l’isola di Gezira da cui si innalza per 85 mt la Torre del Cairo da cui godere di splendide viste della città
  • l’isola di Roda con le sue chiese copte
  • Il Cairo islamico, un vero gioiello di minareti, cupole, mercati e strade che evocano scene da Mille e una notte;
  • Subito fuori città, ad Ovest, le famosissime Piramidi di Giza, una delle 7 meraviglie del mondo antico e nel punto diametralmente opposto Eliopoli, città giardino nel deserto con la sua architettura bizzarra e l’intensa vita notturna.

DA NON PERDERE- COSA VISITARE

CENTRO CITTA’

Nella zona moderna di Midan Tahir, non esattamente bella e molto caotica, con il rumore assordante di clacson e auto che fanno da costante sottofondo, vicino ai negozi che si affacciano su Sharia Talaat Harb la strada principale e Qasr el- Nil in cui viaggiatori curiosi possono trovare ogni genere di chincaglieria, si nasconde un gioiello in cui viene custodito un patrimonio inestimabile di storia e cultura: il MUSEO EGIZIOcairo-1051385__180

Fondato dal francese Auguste Mariette fu inaugurato nel 1863 e ha cambiato due volte sede, prima di insediarsi nel 1902 negli edifici odierni, conta 120.000 reperti esposti e altrettanti conservati nei sotterranei. Vi sono reperti di ogni periodo della storia d’Egitto disposti su due piani, che culminano nei meravigliosi manufatti ritrovati nella tomba di Tutankhamon, nella sala delle mummie reali e in imponenti statue di intramontabile e mastodontica bellezza.

Tutankhamon
Tutankhamon

Meriterebbe un giorno interno per una visita completa, pur non essendo particolarmente ampio è ricchissimo di reperti che non sono sempre accompagnati da dettagliate spiegazioni, per questo si consiglia prima della visita, di munirsi di una guida per una maggiore comprensione e fruibilità.

CAIRO ISLAMICO

Dopo la conquista dell’Egitto del 641 d.c. i musulmani costruirono la loro città denominata Al-Fustat, e successivamente Salah Ad-Dhin costruì l’imponente CITTADELLA (Al-Qalaa) su uno sperone roccioso, nei secoli successivi vennero aggiunti moschee, mausolei ed edifici in stile islamico.

Il Cairo - KHAN AL-KHALILI
KHAN AL-KHALILI

Oggi questa parte della città è un dedalo di strade strette e congestionate, fitte di edifici storici, brulicanti di vita, colori e odori che costituiscono la sua straordinaria unicità.  Non si può cominciare e assaporare l’autentica atmosfera del Cairo islamico senza aver visitato l’incredibile bazar di KHAN AL-KHALILI , il cuore commerciale del quartiere, uno dei più grandi del Medio Oriente. In questo enorme mercato straripante di folla ad ogni ora del giorno e della notte, si possono trovare souvenir, manufatti di artigianato locale, tessuti, spezie ed ogni genere di merce in viuzze strette e negozietti angusti zeppi di ogni genere di cose, tra il brusio incessante dei commercianti e delle migliaia di persone e turisti presenti.

Il Cairo mercato KHAN AL-KHALILI di notte
mercato KHAN AL-KHALILI di notte

Ricordatevi di contrattare sempre il prezzo della merce esposta, usanza che fa parte della cultura di questo popolo, acquistare al primo prezzo indicato potrebbe addirittura essere considerato una mancanza di rispetto ed è considerato volgare. Sarà un modo per entrare in contatto autentico con il popolo egiziano e capirne meglio gli usi e le tradizioni.

Il Cairo - KHAN AL-KHALILI
KHAN AL-KHALILI

A parte lo shopping, l’altra attrazione del bazar è Fishawi’s, situato in una via poco distante, aperto giorno e notte per gli ultimi 200 anni, è forse il caffè più antico del Cairo, arredato con tavolini in rame e grandi specchi. Fermatevi un attimo a sorseggiare del buon tè alla menta e tirare boccate dalle shisha, caratteristiche pipe ad acqua, per rilassarvi e riprendervi dopo le estenuanti trattative.

In zona potrete ammirare la MOSCHEA DI SAYYDNA AL-HUSSEIN, la più importante di tutto l’Egitto e così sacra da essere aperta solo ai musulmani che può radunare migliaia di fedeli e visitare la MOSCHEA DI AL-AZHAR una delle istituzioni più venerabili del Cairo. Costruita nel 970 d.c. come moschea principale e centro di studi per la città. L’università è il centro di studi più rinomato del mondo islamico sunnita. La porta dei barbieri a due arcate, dove gli studenti tradizionalmente si facevano rasare i capelli, risale alla metà del XVIII secolo, dalla quale passano i turisti per entrare e ammirare la mihrab meravigliosamente ornata, una nicchia che indica la direzione della Mecca e il bel cortile con i suoi portici. Prima di accedere alla moschea è prassi che le donne si coprano il capo e comunque vige il divieto per tutti di entrare con le gambe scoperte.Il Cairo

Meta preferita da tutti i turisti è la CITTADELLA (Al-Qalaa), fondata nel 1176 dal celebre comandante Salah ad-Din (più conosciuto come Saladino) un complesso fortificato, una sorta di museo dell’architettura islamica che ha al suo interno splendidi esempi di moschee, musei e bastioni.

Il Cairo- Grande Moschea
Grande Moschea

Da visitare la moschea di Mohammed Alì, diventata uno dei simboli della città, concepita secondo il modello classico turco con una grande cupola e due slanciati e imponenti minareti. Prima di andare via concedetevi qualche minuto per godere dalle fortificazioni della cittadella, di una stupenda vista sulla città con superbi scorci di minareti e cupole.

Il Cairo

Se arrivate in superstrada in questa zona della città non potrete non incontrare lungo la via il CIMITERO settentrionale della città che sbalordirà i più, visto che non è soltanto un luogo di sepoltura come saremmo portati a pensare, ma al suo interno risiedono anche i vivi. Alcune delle tombe infatti, servono anche da alloggio a molte famiglie che vi abitano stabilmente. Quasi tutte le tombe di famiglia prevedono una stanza per i visitatori che intendono fermarsi a dormire lì, testimonianza di come per la cultura egizia morte e vita siano fortemente connesse, e quindi alcune di esse sono state occupate da persone o senzatetto nel corso del tempo.

LA VALLE DI GIZA

I monumenti simboli della cultura egiziana e conosciuti in tutto il mondo: La Sfinge con le splendide Piramidi, valgono da soli un biglietto aereo e molto di più. Il Cairo - la sfinge

Il passare dei secoli non fa che accrescere il loro splendore e insieme il loro mistero. La Sfinge rappresenta la più antica scultura monumentale del mondo, ed è lì da millenni a guardia della valle, delle piramidi, dei templi e delle tombe. Attorno ad esse il caos e il brulicare incessante di turisti, cammelli, venditori di souvenir e di bibite sin dalle prime ore dell’alba.

Le tre piramidi principali di Cheope, Chefren e Micerino circondate dalle più piccole piramidi delle regine furono erette durante la IV dinastia a partire dal 2589 a.c.

Da sempre gli scienziati di tutto il mondo le studiano e  sono ormai circondate da misteriose,e a volte fantasiose teorie sulla loro incredibile costruzione.

Erano destinate alla sepoltura degli omonimi faraoni, straordinarie opere di perfetta architettura con particolari talmente perfetti da sembrare di origine soprannaturale. Basti pensare che i pozzi di aereazione sono orientati in direzione di importanti costellazioni, che le tre piramidi si trovano su una perfetta diagonale allineata con il nord geografico, che la sola piramide di Cheope è formata da più di due milioni di blocchi di pietra da peso medio di 3 tonnellate e fino al XIX secolo era la costruzione più alta del mondo.

Il Cairo - le piramidiIl numero dei visitatori giornalieri che può visitare l’interno è limitato e il momento migliore per recarvisi è il mattino presto, prima che il caldo e la folla diventino insopportabili.  Lo spettacolo impareggiabile della valle all’alba non vi farà rimpiangere la levataccia.

Sconsigliata l’entrata nella piramide a chi soffre di claustrofobia, per accedere alle camere interne va percorso un lungo, stretto e affollato cunicolo dove l’aria può diventare quasi soffocante.

Il Cairo- spettacolo di luci e suoni alle piramidi
Spettacolo di luci e suoni alle piramidi

Un’esperienza che vi lascerà senza fiato sarà quella di partecipare allo spettacolo di luci e suoni che ogni sera, al tramonto, si tiene di fronte alle Piramidi, durante il quale, attraverso un suggestivo gioco luminoso e una voce che sembra arrivare direttamente dalla Sfinge stessa, la magica e suggestiva storia dell’Egitto vi sarà narrata e prenderà forma sotto forma di proiezioni direttamente sulle leggendarie costruzioni.

 

COME MUOVERSI AL CAIRO

TAXI

PRO: Vista l’enorme vastità della città è il mezzo consigliato per coprire grandi distanze ed è economico. Di colore bianco e nero, per chiamarlo basta fare un cenno con la mano dal ciglio della strada. Non vi sbalordite, perchè può capitare che il tassista carichi altre persone dirette alla stessa destinazione.

CONTRO: ci si trova spesso immersi in caotici ingorghi e bisogna abituarsi alla spregiudicata guida dei tassisti egiziani, non esattamente ortodossa. Anche il tassametro è spesso spento e il prezzo della corsa è meglio contrattarlo prima della partenza.

METROPOLITANA

PRO: comodo per raggiungere Il Cairo antico, pulita ed economica.

CONTRO: ha solo due linee, spesso affollato nelle ore di punta.

NAVIGAZIONE SUL FIUME – VAPORETTI

PRO: economico, con partenza ogni 30 minuti dalla zona copta, con sosta all’isola di Roda fino alla città moderna nei pressi del museo egizio. egypt-643425_960_720

CONTRO: funzionano solo fino alle 16.00

AUTOBUS

PRO: molto economici e capillari

CONTRO : Sovraffollati e spesso in pessime condizioni

MANGIARE AL CAIRO

Secondo un famoso proverbio egiziano “il cibo migliore è quello che riempie la pancia” , ciò fa capire quanto l’argomento sia importante per gli egiziani e su quali alimenti cada la loro preferenza.

spice-370114_960_720La cucina egiziana tradizionale è un misto di influenze arabe, turche, europee e africane. I sostanziosi piatti vengono spesso accompagnati da gustose salsine e varie creme di accompagnamento in modo che ogni commensale possa “personalizzare” il proprio piatto intingendolo nell’intingolo che preferisce.

La carne è l’alimento principe della cucina, spesso sotto forma di squisiti spezzatini con verdure o di gustosi Kebab da mangiare in strada, ma ci sono anche numerosi piatti tipici che ne sono privi, come il fuul  una purea di fave, le taamiyya note anche come falafel, polpette di erbe aromatiche e semi di fave e koshari un mix di tagliolini, riso, lenticchie e cipolle. Da provare il piccione preparato con riso e spezie ed arrostito o stufato (tagine) accompagnato da babaghanoush e tahina, melanzana arrostita con pasta di semi di sesamo.

Falafel
Falafel

Il Cairo è una grande città dove si può trovare ogni genere di cibo, locale o ristorante e si possono assaggiare cucine provenienti da ogni parte del mondo.

Per quanto non sia sempre così, occorre sempre essere attenti all’igiene riservata alla preparazione dei cibi, che non sempre rispetta gli standard occidentali.

E’ quindi buona norma per evitare spiacevoli disturbi gastrici.:

  • evitare di bere acqua corrente
  • controllare che le bottigliette di acqua minerale acquistate nelle numerose bancarelle non siano già state aperte
  • non ordinare bibite con ghiaccio
  • evitare di mangiare frutta e verdura crude

Tendenzialmente gli egiziani pranzano di pomeriggio e i ristoranti chiudono la sera molto tardi.

Al ristorante è prassi lasciare la mancia, circa il 10%, ed è applicata una tassa di servizio in automatico del 12% sul conto.

Assaporate le autentiche abitudine egiziane concedendovi frequenti pause nei numerosi caffè che troverete ad ogni angolo di strada, questi oltre ad offrire ristoro svolgono un ruolo di aggregazione importante per gli egiziani che vi si incontrano per parlare con gli amici, leggere il giornale e fumare. turkish-coffee-1021287__180

I caffè quasi esclusivamente frequentati dagli uomini sono sempre affollati, aperti a tutte le ore e oltre al tè e al caffè (ahwa), servono dissetanti succhi di frutta fresca e Karkadè caldo o ghiacciato una rinfrescante bibita dal caratteristico color cremisi fatta con le foglie di ibisco bollite.

NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI

Essendo un paese di cultura islamica, è buona norma rispettare alcuni usi e costumi locali e soprattutto per le donne ci possono essere alcune restrizioni, soprattutto nel caso esse viaggino da sole.

Le donne dovrebbero evitare un abbigliamento troppo appariscente o abiti eccessivamente succinti per non attirare troppo l’attenzione. Coprirsi il capo quando visitano delle moschee e possibilmente rinunciare a  girare da sole in luoghi molto affollati come i mercati, dove potrebbero essere oggetto di apprezzamenti e non passeggiare da sole durante le ore notturne. In alcuni casi, anche una donna seduta al bar che fuma può essere giudicata male e non vista di buon occhio.

 

Vuoi essere pagato mentre viaggi per il mondo come faccio io ?

Clicca sul pulsante verde qui sotto   🙂