Archivi tag: templi buddisti

Il fascino misterioso di Bali

Lo charme di Bali ha dell’incredibile, è un eccezionale richiamo per una infinità di turisti che vi si recano in vacanza. D’altronde, pochi luoghi al mondo sanno donare paesaggi caratterizzati da vulcani attivi, risaie, ricche foreste e un mare a dir poco stupendo.

Bali - danzatrice

Isola appartenente all’Indonesia, Bali si trova nella parte dell’Equatore. Questa affascinante isola tropicale, quindi, è appartenente all’arcipelago noto come le Piccole Isole della Sonda, ed è separata dallo stretto di Bali da Giava. Nonostante il fatto che sia una tra le più frequentate mete turistiche, la peculiarità che affascina di Bali è il fatto che abbia saputo preservare la sua autenticità.

Con una temperatura annuale media di trenta gradi centigradi, è un perfetto luogo per trascorrere lietamente delle meritate vacanze all’insegna del divertimento, del relax, del sole e, ovviamente, del mare.

Quando andare a Bali

Isola felice e dalle mille bellezze, data la sua posizione il clima è una meta importante da prendere in considerazione. Infatti, il periodo migliore per andare a Bali è quello che dal mese di aprile va fino al mese di ottobre. Non a caso, in quel periodo dell’anno l’isola di Bali, per quel che verte il fattore climatico, offre a tutti i suoi visitatori una stagione fresca e secca.

bali - palazzo sull'acqua

Ovviamente, anche gli altri momenti dell’anno, non precludono affatto di poter trascorrere ugualmente una vacanza assolutamente piacevole. È, solo, da considerare che si potranno avere manifestazioni temporalesche più frequenti e, di conseguenza, un clima maggiormente umido.

Come arrivare a Bali

Arrivare a Bali non è affatto difficoltoso. Infatti, partono voli diretti sia in direzione di Bali e sia su Jakarta dalla gran parte delle capitali del continente europeo. Inoltre, è da considerare che l’isola di Bali gode di ottimi collegamenti con la restante parte dell’Indonesia.

A tal proposito, si ricordano, a puro titolo di esempio, i quotidiani voli per Lombok e per Java. Inoltre, da queste due località, è dato modo, oltre che di giungervi via area, anche di approdare all’ isola di Bali tramite degli ottimi collegamenti via mare.

Bali - tempio

I trasporti locali a Bali

Per quanto verte i collegamenti tra Kuta e il vicinissimo aeroporto internazionale di Ngurah Rai, si tratta di una distanza di poco superiore ai due chilometri, si potrà utilizzare comodamente i mezzi pubblici, oppure prenderne uno a nolo.

Per quanto riguarda il servizio taxi, è da ricordare che se ne potrà usufruire tanto a prezzo fisso quanto con tassametro.

In linea generale, i trasporti pubblici a Bali consistono, principalmente, nei tradizionali e classici bemo, ovvero originali minibus, oppure autobus e taxi.

Per chi optasse per prendere a nolo un mezzo per avere più libertà di girare per l’isola, è da ricordare che a Bali si guida alla sinistra, che il suono del clacson è una abitudine, come è pure consuetudine lasciare il passo ai mezzi che si immettono. Ovviamente, vi sono anche a disposizione apposite navette turistiche.

La cucina balinese

Da quella indonesiana, la cucina tipica di Bali è leggermente differente. Suoi tratti tipici, vengono ad essere caratterizzati dall’utilizzo di arachidi, della kecap manis, ovvero una particolare salsa di soia dolce, come pure per ingredienti quali il cocco e un largo impiego di varie spezie fresche.

Bali - spezie

La cucina balinese, in linea generale, propone del cibo che, precedentemente viene ad essere marinato con peperoncino, aglio, scalogno, zenzero, pesti a base di curcuma e altre spezie ancora, per, poi, essere, quasi sempre, cucinato al vapore oppure grigliato.

Oltre che proporre ottimi ristoranti, per chi desidera degustare la vera cucina balinese vi sono una infinità di tradizionali warung posizionati lungo le strade.

Invece, per quello che verte le sue tipiche bevande, troviamo il tè indonesiano, l’acqua di cocco e il classico kopi Bali, che è un caffè in polvere di produzione locale al quale viene ad essere aggiunto dello zucchero.

La cultura balinese

Famosa per la scultura, intaglio del legno, per la sua pittura e la sua cultura artistica, Bali offre il meglio di se presso la stupenda Ubud. La tradizionale musica balinese, invece, trova la sua massima espressione nel gamelan, mentre tra le danze balinesi più popolari troviamo, ad esempio, il kecak, il barong e il legong.

Sono davvero infinite le cerimonie che scandiscono la vita sull’isola di Bali e che propongono il meglio del folclore locale ad una infinita schiera di turisti tutto l’anno.

Infatti, è da ricordare che nella cultura balinese vi sono numerose feste e celebrazioni dedicate ai loro innumerevoli oltre ventimila templi presenti in tutto il territorio di Bali.

Bali - budda in legno

Cosa fare a Bali

Oltre che prendere il sole, surfare e fare bagni, sono infinite le cose che si possono fare a Bali. Infatti, oltre che praticare sport, è possibile lanciarsi in uno sfrenato shopping. Oltre che essere una vera e propria esplosione di profumi e colori, l’isola di Bali offre una eccezionale vita notturna.

Tra i più celebri locali dell’isola, si ricorda il Potato Head per degustare un fantastico Passion Fruit Mojito, il Rock Bar, un posto meravigliosamente bello per ammirare un incredibile tramonto direttamente sul mare. Altra tappa obbligata è il Ku De Ta.

Cosa vedere a Bali

Anche se Bali è nota per la sua infinità di magnifici resort lussuosi e immersi nel verde, l’isola offre al turista molte cose da vedere. Per esempio, il suo sistema di irrigazione, cioè il subak, sviluppato oltre mille anni fa nelle sue tipiche risaie a terrazzo, è uno di quei panorami che sono irrinunciabili, tant’è che nel 2012 è stato dall’Unesco, considerato un sito patrimonio dell’umanità.

Bali - risaie

Tra i suoi innumerevoli tempi, una visita è da fare è a quello di Petilan Pengerebongan come pure al tempio di Tanahlot. Conosciuto come Pura Luhur, il tempio di Uluwatu fa parte delle cose da vedere a Bali. Infatti, oltre che trovarsi su una delle più note spiagge, il tempio, risalente all’undicesimo secolo, si presenta come una maestosa struttura, collocata in un memorabile panorama arroccato, com’è su una ripida scogliera che si erge per settanta metri dall’Oceano Indiano. Pura Tanah Lot è celeberrimo come tempio per donare pace e serenità, oltre che per far parte della mitologia balinese.

Tappa obbligata è la visita è quella al tempio di Ulun Danu Bratan, che si affaccia sull’incantevole lago Bratan. Quindi, oltre che essere una eccezionale meta per rilassanti vacanze, l’isola di Bali propone una infinità di cose da vedere.

Bali - lago batran

Accanto alle più famose località di mare quali Nusa Dua, Seminyak, Jimbaran, Sanur e Kuta, infatti, si potrà trascorrere lietamente del tempo visitando Denpasar, la città più importante, magari ammirando uno dei suoi tanti monumenti come il complesso storico del Klung Royal Palace.

Altra località che merita attenzione è l’antica capitale ai tempi della colonizzazione olandese, ovvero Singaraja che si trova tranquillamente adagiata sul mare.

Invece, per chi ama l’avventura e non ama soggiornare presso i resort super organizzati, la meta preferita è Ubud, località posta nella parte centrale dell’isola e noto centro culturale e artistico.

Ovviamente, tra il cosa vedere a Bali, non possono mancare le sue mitiche spiagge come quella di Kuta Beach e Legian Beach. Per chi ama il surf è ottima Balangan Beach che si trova a non molta distanza da Kuta. Green Bowl Beach, nell’estremo sud di Bali è idonea per chi ama rilassarsi, Amed Beach, che si trova nella zona nord-est dell’isola, è indicata per tutti gli amanti di immersioni e di snorkeling. In conclusione, l’isola di Bali consente di rilassarsi e di vedere una infinità di cose meravigliose.

Bali - surf