Singapore: 9 cose + 1 da vedere e fare!

Cosa vedere a Singapore? Partiamo dicendo che esistono due tipi di viaggiatori: chi parte all’arrembaggio e chi pianifica attentamente ogni giornata in modo da sfruttare ogni minuto di vacanza per vedere e scoprire tutte le meraviglie che un nuovo paese ha da offrire!

Questo articolo, cari organizzatori seriali, è dedicato a voi. Se volete scoprire cosa fare a Singapore e quali sono i luoghi più interessanti di questa splendida isola non vi resta altro che continuare a leggere.

Oggi scopriremo allora le 9 cose + 1 da vedere a Singapore! Visitare Singapore, grazie a questa guida, sarà un gioco da ragazzi.

Cosa vedere a Singapore: la classifica

Singapore è un’isola davvero fantastica, quindi è stato molto difficile stilare una lista di sole nove cose da vedere! TripAndMagic ha quindi selezionato per voi le attrazioni di Singapore che siamo sicuri vi lasceranno a bocca aperta. Oltre a queste, ovviamente, ci sono altre centinaia di cose da fare e vedere: toccherà a voi scoprire il resto dell’isola! Vediamo subito cosa vedere a Singapore

1 – Gardens by the Bay

Il parco Gardens by the Bay è una tappa obbligatoria durante il vostro viaggio a Singapore! Bello da vivere e da scoprire tutti i giorni e a tutte le ore, ma è durante la sera che prende davvero vita. Uno spettacolo di luci mozzafiato renderà la vostra serata davvero magica! È composto da diverse aree: una prima è a libero accesso e qui potrete godervi una rilassante passeggiata; le altre, Cloud Forest e Flower Dome, sono a pagamento. Consigliamo di dedicargli una mezza giornata e di visitarlo a tutto tondo: non ve ne pentirete.

2 – Marina Bay Sands

Definirlo un semplice hotel sarebbe fin troppo riduttivo. Anche la dicitura resort non gli si addice del tutto: il Marina Bay Sands è più di tutto questo. Questa imponente e sfarzosa struttura ospita un hotel, un casinò, un centro commerciale, un museo, due teatri, svariati ristoranti e finanche una pista di pattinaggio. Il suo punto di forza, oltre tutto questo, è la fantastica terrazza panoramica da cui si ha una vista mozzafiato. Per accedervi sarà necessario pagare il biglietto, ma una volta saliti lì non ci penserete più, il panorama vi stregherà al 100%!

3 – Singapore Zoo

Zoo si fa per dire, il Singapore Zoo è in tutto e per tutto una vera e propria foresta fluviale! Questa attrazione è adatta davvero a tutti, sia grandi che piccini rimarranno sbalorditi dalla quantità enorme di animali presente in questa foresta. Sono poi tantissime le attività da svolgere dentro al parco, la più amata dai bambini è sicuramente una: la colazione con gli oranghi! È possibile visitare tutto lo zoo grazie ad un comodissimo trenino elettrico che vi porterà alla scoperta di tutte le 120 specie presenti!


300x250_Home_Always On


4 – Singapore Flyer

La Singapore Flyer, fino al 2013, ha mantenuto il primato di ruota panoramica più alta del mondo! È stata superata dalla ruota panoramica presente a Las Vegas che, per poco più di due metri, gli ha soffiato il primato. Ciò non toglie che sia un’attrazione fantastica che con i suoi 165 metri di altezza è in grado di dare una bellissima prospettiva non solo di Singapore ma anche di altre isole! Un giro completo su questa ruota dura circa 35 minuti.

5 – Little India

Un vero e proprio pezzetto di India a Singapore! Little India è un quartiere strabiliante, coloratissimo e vivace. Un quartiere sempre sveglio e attivo, che vi farà sentire davvero in India per un giorno. Mercati, bancarelle e chi più ne ha più ne metta: una passeggiata a Little India dovrà senza dubbio far parte della vostra vacanza! Immancabile poi una sosta al centro commerciale Mustafa Centre, dove sarà possibile comprare molte cose a prezzi stracciati.

6 – Chinatown

Restando nell’ambito di ‘quartieri stranieri’ ci trasferiamo a Chinatown. Anche questo è un piccolo angolo di mondo a Singapore, precisamente (e ovviamente) stiamo parlando del quartiere cinese! Qui troverete piccole botteghe e negozietti, negozi tipici e ristoranti dove potrete assaggiare tutte le pietanze tradizionali cinesi. L’atmosfera molto caratteristica è data anche e soprattutto dai vari templi che è possibile visitare gratuitamente! Immergetevi in questo piccolo pezzo di Cina in Singapore e non ve ne pentirete.

7 – National Orchid Garden

Si tratta di un meraviglioso giardino che vi farà venir voglia di immergervi completamente nella natura! Il National Orchid Garden è un posto magico e, ovviamente, pieno di orchidee! Tutti questi fiori, profumati e colorati, vi accompagneranno in una passeggiata romantica ed incredibile. Portate con voi la vostra migliore macchina fotografica, tutte queste orchidee meritano delle foto fantastiche!


728x90_Home_Always On


8 – Universal Studios Singapore

Il magnifico parco a tema Universal Studios Singapore si trova sull’isola di Sentosa, una delle grandi bellezze presenti a Singapore. Qui troverete davvero moltissime attrazioni adatte a tutti. Tante aree diverse con tanti giochi spettacolari vi aspetteranno in questo parco dove tornerete bambini per un giorno. Il parco solitamente è abbastanza affollato, ma per evitare le code potete decidere di acquistare l’utilissimo salta-fila.

9 – Oarchard Rod

Amanti dello shopping, per voi c’è Orchard Road! Un viale infinito nel bel mezzo della città, tutto dedicato solo ed esclusivamente allo shopping! Decine di centri commerciali, dai negozi più popolari a quelli più esclusivi. Se avete bisogno di qualcosa, oggetto o vestito che sia, state sicuri che lo troverete sulla fantastica Orchard Road.

+1 – Infinity Edge Pool

Non ci eravamo certo scordati dell’attrazione bonus! L’abbiamo lasciata per ultima perché è qualcosa di davvero esclusivo. Stiamo parlando della Infinity Edge Pool, che si trova al 57mo piano dell’edificio Marina Bay Sands! Perché è così esclusiva? Perché l’accesso a questa straordinaria piscina (che non consigliamo a chi soffre di vertigini!) è riservato soltanto agli ospiti dell’hotel. Cercate quindi di assicurarvi una camera al più presto, perché fare il bagno in questa piscina sarà davvero un’esperienza indimenticabile!

Durante la vostra vacanza a Singapore avrete tante altre cose da vedere, ma siamo sicuri che questa lista su cosa vedere a Singapore vi sarà di grandissimo aiuto per l’organizzazione della vostra vacanza!

728x90_Home_Always On

Cosa mettere in valigia? Te lo diciamo noi!

È arrivato il fatidico momento: tutto è prenotato, l’aereo sarà tra pochi giorni ed è rimasta in sospeso una sola cosa: fare la valigia! Per molti un momento di gioia, per altri un’agonia. La paura è sempre la stessa: e se scordo qualcosa?

Per evitare questi inconvenienti, TripandMagic vi darà dei preziosi consigli su come fare la valigia e, soprattutto, una lista completa degli oggetti indispensabili durante un viaggio!

Dopo aver letto questo articolo direte addio alle lunghe liste fai da te, in cui alla fine manca sempre puntualmente qualcosa! Vediamo allora cosa mettere in valigia per affrontare un viaggio e come organizzare la valigia al meglio!

Come fare la valigia: oggetti indispensabili

Sicuramente avrete fatto centinaia e centinaia di valigie nella vostra vita, ognuna adatta alla propria destinazione! Esiste la valigia per il mare, con più costumi che magliette, ma esiste anche la valigia da montagna, in cui sciarpe e cappelli la fanno da padroni! Ci sono però oggetti indispensabili che vi serviranno per ogni viaggio, qualunque sia la destinazione? Ovviamente sì! Noi di TripandMagic abbiamo selezionato alcuni oggetti che dovranno tassativamente far parte della valigia di ogni viaggiatore perfetto, vediamoli insieme categoria per categoria!

Documenti, informazioni e altro

Questi non andranno direttamente in valigia, in quanto per comodità solitamente è preferibile metterli in borsa o nello zaino! Stiamo parlando dei documenti da viaggio fondamentali:

  1. Carta d’identità, o Passaporto per i paesi in cui è richiesto. TripandMagic vi consiglia anche di fare una fotocopia di questi documenti in quanto è utilissima nello sfortunato caso di smarrimento;
  2. Tessera sanitaria, fondamentale per i viaggi nell’UE in quanto rende più semplice un eventuale ricovero e permette di non pagare la franchigia;
  3. Biglietti per treno o aereo, o eventualmente il foglio che accerti l’avvenuto check-in online;
  4. Patente, se avete intenzione di noleggiare una macchina in loco sarà necessario averla con sé;
  5. Prenotazione dell’albergo, anche se molti credono non sia fondamentale noi consigliamo di stamparla e portarla in viaggio, per evitare eventuali problemi o incomprensioni!

Ci sono poi altri oggetti utili ma non indispensabili o che potrete trovare una volta arrivati lì: cartina del posto, guide turistiche, etc.


728x90_Hotel_AlwaysOn


Igiene personale

Anche qui potremmo dire che, bene o male, potrete trovare tutto una volta arrivati lì, ma perché non partire già preparati in modo da non perdere poi tempo? Preparate allora:

  1. Dentifricio e spazzolino;
  2. Collutorio e filo interdentale;
  3. Bagnoschiuma (quello che si trova negli alberghi basterà per una sola persona!);
  4. Shampoo e balsamo;
  5. Phon, a meno che nel vostro albergo non sia fornito;
  6. Deodorante e profumo;
  7. Detersivo, portatene una piccola boccetta, può sempre rivelarsi utile!
  8. Trucchi vari ed eventuali: fondotinta, correttori, rossetto, etc.

Medicinali

Nessuno di noi sogna di ammalarsi in vacanza, ma purtroppo dobbiamo pensare ad ogni evenienza. Ecco allora la lista di medicine da portare in vacanza:

  1. Antidolorifico;
  2. Antipiretico;
  3. Antistaminico;
  4. Cortisonici;
  5. Antinfiammatori;
  6. Tranquillante, se avete paura dell’aereo!
  7. Antidiarroici;
  8. Lassativi, a molti capita di averne bisogno in viaggio!

Tecnologia e simili!

Ormai è d’obbligo documentare il proprio viaggio minuto per minuto, vediamo allora tutto quello da portare per una vacanza all’insegna dell’hi-tech!

  1. Fotocamera e videocamera;
  2. Action cam, per i viaggi avventurosi;
  3. Notebook;
  4. Caricabatteria per cellulare, fotocamera ed eventuale notebook;
  5. Prese multistandard o adattatori.

728x90_Hotel_AlwaysOn


Come organizzare la valigia

 

L’organizzazione della valigia sarà fondamentale per la riuscita del vostro viaggio. Dovrete cercare di ottimizzarla al meglio in modo da sfruttare tutto lo spazio disponibile. Ecco alcuni tips per organizzare la valigia:

  1. Evitate il superfluo: non è per niente necessario portare decine e decine di maglie per una vacanza di una settimana!
  2. Piegate tutto per bene: gli indumenti ben piegati vi faranno risparmiare moltissimo spazio.
  3. Procuratevi dei sacchettini porta scarpe, in modo da proteggerle ed evitare di sporcare gli altri vestiti.
  4. Lasciate un po’ di spazio per i souvenir, oppure al ritorno sarete costretti ad acquistare una nuova valigia!

Ora avrete tutto il necessario per preparare la valigia, seguite i nostri consigli e la vostra vacanza sarà perfetta e soprattutto non mancherà nulla! 

IL MARSUPIO SLIM LO TROVI QUI SOTTO

MARSUPIO SLIM ELASTICO Due Tasche con Zip Riflettente Marsupiotto Sport Tempo Libero (BLU)

728x90_Home_Always On

Airbnb.it: guida completa al pernottamento low cost!

Airbnb, il portale preferito dai viaggiatori!

Se siete viaggiatori incalliti quasi sicuramente conoscerete già il sito Airbnb! Se invece siete viaggiatori provetti non abbiate paura: TripAndMagic si occuperà di spiegarvi per filo e per segno cos’è Airbnb!

Vi sarà certamente capitato di rinunciare ad una vacanza last minute perché con il poco tempo rimasto non siete riusciti a trovare un alloggio. Oppure ancora vi sarà capitato di aver cambiato la vostra meta preferita perché i prezzi degli hotel erano troppo proibitivi: con Airbnb non avrete più di questi problemi!

Questo portale è ormai la soluzione che centinaia di migliaia di viaggiatori scelgono stabilmente per le loro vacanze e le loro escursioni. Vediamo ora nel dettaglio come funziona Airbnb, quali sono i suoi vantaggi e perché sceglierlo per i propri viaggi!

Cos’è Airbnb?

Airbnb è un sito che permette di trovare alloggi e sistemazioni in più di 192 paesi sparsi per tutto il mondo! Si tratta di un portale in cui dei privati affittano per brevi periodi di tempo la propria casa o alcune stanze. Un servizio tanto semplice quanto conveniente! Pur essendo attivo dal 2007 non tutti sono a conoscenza di questo portale che permette di risparmiare una cifra non indifferente: i prezzi sono molto più bassi rispetto agli hotel ma anche rispetto ad alcuni b&b. Airbnb offre dunque delle soluzioni molto concorrenziali per chi vuole organizzare le proprie vacanze senza spendere un capitale in alberghi o case vacanze eccessivamente costose.

Airbnb: come funziona

Utilizzare Airbnb è semplicissimo, ma lo sarà ancor di più seguendo la nostra guida! In pochi semplici passi troverete una sistemazione ideale per le vostre vacanze. Vediamo subito come funziona Airbnb!

  • Registrazione: il primo passo sarà ovviamente quello di registrarvi al sito. Potrete farlo tramite Facebook, Google o con la vostra email. REGISTRATI GRATIS ORA DA QUI

 

  • Ricerca: dopo esservi registrati, inizierà la ricerca per il vostro alloggio! Basterà inserire la località desiderata e subito appariranno di fronte a voi le migliori offerte con tanto di mappa, prezzo e foto!

  • Filtri: a questo punto sarà necessario affinare la vostra ricerca inserendo tutti i filtri necessari in modo da trovare il miglior alloggio adatto a voi. Potrete perfezionare la ricerca inserendo: data, numero degli ospiti, tipo di alloggio e fascia di prezzo. Questi sono i filtri principali e più usati, ma siete liberi di aggiungerne anche altri!

  • Prenotazione: cliccando su ogni alloggio potrete vedere tutte le foto, il dettaglio dei costi e le recensioni lasciate dagli altri ospiti. Una volta trovato il vostro alloggio ideale non vi resta altro che prenotare!

Perché scegliere Airbnb

I motivi per sceglierlo sono davvero tantissimi! Concentriamoci su quelli più palesi e che vi faranno venire immediatamente voglia di prenotare e partire alla scoperta di nuove città!

  1. Economico: i prezzi, come abbiamo già detto, sono molto concorrenziali! Il 99% delle volte troverete prezzi più bassi rispetto ad un qualsiasi hotel. Perché? Il motivo è semplice: essendo degli affitti a breve termine tra privati, i costi di gestione sono molto più bassi rispetto ad un albergo. Questo permette agli host di Airbnb di proporre prezzi inferiori, il che va tutto a vantaggio dei viaggiatori. Risparmiando sull’alloggio potrete infatti decidere di puntare su una meta esotica e più costosa; o ancora potrete spendere i soldi risparmiati durante la vacanza!
  2. Emozionante: per la durata del vostro soggiorno vi sembrerà di essere davvero abitanti di quella città! Vi ritroverete ad alloggiare in una casa ‘vissuta’, potrete sfogliare libri e riviste straniere e vivere la città ed il soggiorno sotto un punto di vista del tutto nuovo!

3. Ospitale: il vostro host farà di tutto per farvi sentire a casa vostra! Di solito è l’host in persona a consegnare le chiavi dell’alloggio, vi ritroverete quindi subito a contatto con un abitante del posto che potrà darvi tantissimi consigli su come vivere la città al meglio. Gli host puntano tutto sui loro ospiti: se vi siete trovati bene non esitate a dare una recensione positiva!

Airbnb Plus

Se per voi non sono ancora abbastanza le recensioni lasciate dagli altri ospiti, Airbnb ha ideato un nuovo modo per assicurarvi comodità e comfort. Si tratta di Airbnb Plus, un nuovo servizio riservato solo ed esclusivamente ai migliori alloggi! Airbnb Plus si occupa di selezionare le migliori sistemazioni, grazie anche ad una verifica sul posto effettuata da un esperto della piattaforma. Gli alloggi Airbnb Plus seguono dei rigidi standard, in modo da garantire ai propri ospiti comodità ed affidabilità al 100%.

Che aspettate allora? Airbnb.it vi aspetta per il vostro prossimo viaggio! Siamo sicuri che troverete l’alloggio adatto a voi e vivrete una vacanza eccezionale come non avete mai fatto prima!

VAI SU AIRBNB

 

Un viaggio in Thailandia, tra meraviglie naturali, storiche e culturali

Visitare la Thailandia è una fantastica impresa, dato che questo Paese è così ricco di cose belle da scoprire, a partire dalla sua capitale Bangkok. Si potrà poi viaggiare tra una meravigliosa natura nel suo nord.. per andare alla scoperta delle sue magnifiche spiagge nel suo sud!

Un viaggio in Thailandia inoltre ti permetterà di entrare in contatto con un mondo incantevole, fatto di arte, storia, cultura, folclore e antichissime tradizioni. Anche la sua cucina è un tripudio di gusto e sapori, un piacere per il palato e per la vista.

In linea generale, la porta d’ingresso per i turisti che si recano in viaggio in Thailandia è rappresentata da Bangkok, la favolosa capitale della Thailandia, che offre una infinità di bellezze da ammirare. Altra meraviglia generosamente offerta da questo incredibile paese sono i templi, uno più bello dell’altro.

D’altra parte è davvero difficile non innamorarsi di questa terra così ricca di contrasti, dove dominano le spiagge idilliache delle sue coste e i verdi paesaggi del Triangolo d’oro intorno a Chiang Mai. La Thailandia, inoltre, affascina anche per il suo glorioso passato testimoniato da siti storici, dai resti di antichi palazzi e dall’infinità di templi buddisti. Ecco perché è una delle destinazioni maggiormente apprezzate e preferita da numerosi vacanzieri

Se la culla della Thailandia moderna è rappresentata dalla capitale Bangkok, un concentrato di colori del paese, spiagge immacolate e splendidi siti di immersione permetteranno di rilassarsi sull’isola di Ko Phi Phi e nella sua riserva marina protetta. Scogliere, grotte e foreste tropicali contrastano con le pittoresche spiagge dell’isola di Krabi.

Risaie a perdita d’occhio, le fertili montagne e i suoi fiumi, sabbia bianca e acque turchesi sono un vero paradiso balneare per le immersioni, le feste e l’ozio. In Thailandia il patrimonio naturale, la storia e le sue millenarie tradizioni sono un eccezionale biglietto da visita per incoraggiare qualsiasi tipo di turista a visitare questo incantevole paese.

Dove si trova la Thailandia

Il Regno di Thailandia, la sua corretta denominazione, si trova nel sud est dell’Asia e confina a Nord con Laos e Birmania, a Ovest con la Birmania e il mare delle Andamane, mentre a est la Thailandia confina con la Cambogia e il Laos e a sud confina con il suo golfo omonimo e la Malesia.

Fino al 1939 il nome ufficiale del Paese era Siam. L’attuale denominazione, dunque, è risalente solamente al 1949. In lingua locale, Thailandia significa “indipendente, libero

Geograficamente il paese si è andato a sviluppare lungo il fiume Chao Praya, il quale ha generato una valle fluviale ampissima e contornata da stupende montagne. Coperto in gran parte da foreste, grazie ai monsoni stagionali, l’habitat della Thailandia è perfetto, tra l’altro, per elefanti e tigri.

Cosa offre la Thailandia

Molte del suo incantevole e appagante fascino è legato alla presenza di cinquecento isole tropicali e di oltre tremila chilometri di una stupefacente costa. Un fascino unico arricchito dalle sue rovine archeologiche, dal suo passato artistico e storico. Strategicamente collocato nel Golfo del Siam, il Regno di Thailandia ha saputo conservare perfettamente la sua millenaria tradizione, accrescendo questo patrimonio turistico con isole incantate e spiagge paradisiache.

Ti piacerebbe poter viaggiare come faccio io, avere più tempo per te le tue passioni ? SCOPRI COME…CLICCA SULLA FOTO!

Un Paese perfetto per una vacanza da favola. Tra le innumerevoli proposte che si possono vivere in Thailandia, indiscutibilmente, quella più nota al largo pubblico è quella legata alle sue spiagge e al suo mare. Non è solo questo tuttavia ad accrescere il fascino di un viaggio in Thailandia. Di fatti qui si può intraprendere una ricerca spirituale, ammirare una natura rigogliosa e selvaggiamente bella, foreste popolate da animali, come pure andare in esplorazione della sua millenaria storia.

In pratica, la Thailandia è la meta perfetta per un viaggio di nozze, ma anche per famiglie con bambini e, perfino, per chi ama andare all’avventura solamente con lo zaino in spalla.



300x250_Viaggi_combinati


Da vedere in Thailandia

La Thailandia ha un patrimonio culturale e artistico immenso, così come è vastissimo quello naturalistico. Uno dei pezzi pregiati del vasto patrimonio naturalistico thailandese è, senza dubbio, quello rappresentato dalle sue isole, placidamente adagiate tra il Mar delle Andamane e il Golfo del Siam. Tra le più celebri si possono ricordare, Ko Phangan, Ko Samui, Langkawi e Phuket.

Tutte offrono il miglior modo per oziare al sole mentre si contempla il mare turchese, un orizzonte a perdita d’occhio, magari sorseggiando un cocktail. Una scelta perfetta per chi ama il relax, la vita notturna e il divertimento.

Bangkok è il centro di tutte le attività economiche, politiche, sociali e culturali del paese. Nella capitale, il modernismo, con tutti i suoi aspetti positivi e negativi, ruota intorno a un nucleo tradizionale ben conservato. Da visitare il Palazzo Reale, Wat Pho con il suo enorme Buddha sdraiato e Wat Arun. Bangkok è anche il posto preferito per fare acquisti e trovare souvenir. Un modo che permette di scoprire Bangkok da un’altra prospettiva, è quella di ammirarla navigando lungo il suo fiume Chao Phraya.

Dopo essersi dedicati all’emozionante visita alla capitale thailandese, vi è solo l’imbarazzo della scelta. Una buona idea, è quella di visitare Chiang Mai, che si trova nel nord della Thailandia, ed è famosa per l’abbondanza dei templi secolari, come pure Satchanalai patrimonio mondiale dell’UNESCO. Altra meta potrà essere Phetchaburi, la quale, oltre che essere la città dei diamanti, offre un incredibile panorama ricco di importanti siti archeologici.

Ayutthaya, oltre che essere l’antica capitale fondata dal re Uthong nel 1350 e distrutta nel 1569 da parte dei birmani, offre un parco storico che è parte Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Chiang Saen offre splendidi paesaggi montuosi, resti di antichi insediamenti e alcuni santuari buddisti da visitare.

Come arrivare in Thailandia

Per visitare questo incantevole paese necessita avere il passaporto. Invece, per arrivare in Thailandia, sarà possibile usufruire di uno dei tanti voli settimanali partenti dal continente europeo. La Thai Air, ovvero compagnia nazionale, propone voli settimanali non stop che possono essere utilizzando sia da Roma-Fiumicino sia anche da Milano-Malpensa.

Dove dormire in Thailandia

Oltre che usufruire di alberghi multinazionali, il paese propone una infinità di soluzioni di alloggio, perfette per ogni tipo di budget.

Come spostarsi in Thailandia

Viaggiare all’interno della Thailandia non è affatto difficile, visto che sono davvero efficienti e numerose le varie possibili soluzioni di trasporto. Oltre che potersi servire di diversi aeroporti nazionali, gli autobus sono una valida alternativa, dato che sono veloci e forniti di ogni tipo di confort. I treni piuttosto puntuali, sono frequenti e comodi. Ci soni anche comodi traghetti.

Ovviamente, si potranno noleggiare fuoristrada e automobili, come pure motociclette. Irrinunciabile, poi, spostarsi con i tradizionali tuk-tuk, samlor e songthaew. Ottimo anche il servizio taxi. Per godersi del panorama con estrema calma, è, poi, possibile noleggiare una bicicletta.

Quando andare in Thailandia

In linea generale, il periodo migliore per viaggiare in Thailandia è quello che va dal mese di novembre fino a quello di febbraio. È, infatti, il momento in cui fa meno caldo e piove di meno. Se la meta sarà la parte sud del paese, il periodo migliore è quello che va da marzo a maggio. Per visitare il nord della Thailandia il momento migliore è quello che va tra novembre e dicembre, oppure febbraio.

Cosa mangiare in Thailandia

La cucina thailandese è una esplosione di gusto, in grado di soddisfare ogni palato. Un perfetto equilibrio tra l’amaro, il salato, l’aspro, il dolce e il piccante. Oltre che di ottimi ristoranti internazionale, si può degustare la tipica cucina assaggiando i tradizionali piatti offerti da chioschi e da bancarelle.

Piatto nazionale è il Pad Thai. Altre specialità gustose proposte dalla cucina thailandese sono il Khaw Pad, il Pad See Ew e il Som Tam. Da assaggiare assolutamente sono, poi, il Pad krapow Moo, il Gai Pad Mamuang, il Tom Yum Goong. Tra le varie specialità, vi è il Khao Soi.

Un posto d’onore è, ovviamente, occupato dal riso, uno dei principali ingredienti di tutta la cucina. Per conoscere ancora meglio la vasta gastronomia thailandese è anche possibile seguire un corso di cucina.

Le cose da fare assolutamente in Thailandia

Oltre che ammirare le sue città, godersi la bellezza delle sue celebri isole, la forza della natura, il valore della sua storia, vi sono alcuni aspetti che permettono di conoscere più profondamente questo stupendo paese. Ad esempio, degustare il cibo da strada, fare trekking, passare una giornata con gli elefanti.

Oltre a ciò, non si deve perdere l’occasione per dedicarsi alle immersioni e fare snorkeling, senza dimenticarsi di ammirare i suoi incantevoli tramonti, sorseggiando un aperitivo presso i numerosi bar vicini alla spiaggia. In conclusione, una tappa che merita è quella di Kanchanaburi, divenuta famosa grazie al suo ponte sul fiume Kwai

Ti piacerebbe poter viaggiare come faccio io, avere più tempo per te e le tue passioni? SCOPRI COME…CLICCA SUL PULSANTE OK !



300x250_Viaggi_combinati

Le mille e una notte di Dubai, un sogno ad occhi aperti

È davvero impossibile resistere allo charme di Dubai. Oltre che essere la capitale di uno dei 7 Emirati che formano gli Emirati Arabi Uniti, oltre che trovarsi nella Penisola Araba a Sud del Golfo Persico, Dubai è una città ultra moderna con una architettura sorprendentemente tesa al futuro. Ma non è tutto.

Di fatti, non solo spicca per i suoi centri commerciali dalle grandi dimensioni, ma è anche una splendida città ove si respira una grande energia. Oltre a tutto ciò, Dubai brilla anche per quello che il suo passato le ha lasciato in eredità. Un qualcosa di unico, che si potrà ammirare nei suoi storici luoghi, ove vive l’anima del suo passato.

Un luogo tanto turistico quanto culturale, quindi, con le sue numerose moschee e le sue favolose spiagge. Che ci si rechi in coppia, con amici o familiari, Dubai sarà sempre una più che piacevole sorpresa, un fantastico mixer tra immensi grattacieli e il vasto deserto. Scopriamo, quindi, il Paese degli eccessi e del lusso, il paese pieno di ricchezza!

Cosa vedere a Dubai

Ammirare l’indimenticabile spettacolo di un tramonto nelle dune del suo deserto, oppure restare meravigliati dai suoi imponenti grattacieli?

Perdersi, ammirando le sue numerose ed eleganti boutique dei faraonici Mall o tra i vari tradizionali souk? Sono, in effetti, tanti i luoghi da visitare a Dubai. D’altronde, è una località in cui convivono le tradizioni millenarie e la modernità, i lenti ritmi del deserto e la velocità del terzo millennio.

La Dubai tradizionale

Per entrare in contatto con la sua storia, con la sua anima mediorientale, non si deve perdere la visita a Bur Dubai, il suo quartiere storico. Qui, infatti, si trovano il souk dei tessuti, il souk delle spezie e il celeberrimo souk dell’oro. Inoltre, merita assolutamente una visita sia la favolosa “Moschea di Jumeirah” e sia il “Museo della città di Dubai”.

La Dubai moderna

Indubbiamente, splendidi esempi della Dubai moderna, sono riscontrabili nel Burj al Arab, conosciuto per la sua originale struttura a vela, e il grattacielo Burj Khalifa, che è alto ben 828 metri. Altro fulgido spettacolo è quello della Fontana Luminosa, la quale propone giochi di luce e di acqua di rara bellezza.

Lo shopping a Dubai

È davvero impensabile lasciare la fantastica Dubai, senza essersi dedicati allo shopping. Dubai Mall è una delle mete più gettonate. Infatti, si sarà accolti da 1200 negozi, archi e colonne realizzate in stile mediorientale, cupole decorate e, se non bastasse, al suo interno vi è anche una incredibile pista di pattinaggio sul ghiaccio.

Invece, per chi preferisse sciare e fare shopping, allora la meta sarà lo Ski Dubai. Altra particolarità di Dubai, è che si può acquistare, praticamente, ogni cosa anche utilizzando i distributori automatici. Dai lingotti d’oro ad una singola moneta, dai telefoni alle macchine fotografiche, dai tablet ai PC portatili. Incredibile, ma vero.

Dubai, il divertimento per tutta la famiglia

L’Atlantis Aquaventure The Palm è, senza dubbio, il luogo prediletto per divertirsi in compagnia di tutta la famiglia. Questo parco acquatico futuristico, tra l’altro, si trova proprio su una isola artificiale creata a forma di palma, chiamata, per l’appunto, Palm Jumeirah.

Altro luogo dedicato alla movida famigliare è il quartiere Dubai Marina, celebre per i suoi locali, le piazze, i negozi e i suoi grattacieli. Un qualcosa di veramente spettacolare se si pensa che, non molto tempo fa, in quel luogo vi era solo il deserto.

Dubai e le sue favolose spiagge

Qui, ad aspettare il turista vi sono chilometriche spiagge bianche, tutte super attrezzate. La più celebre è la Jumeirah Beach.

Dubai e il deserto

Oltre che offrire le più esclusive boutique, incredibili opere di futuristica architettura e meravigliosi esempi di tradizione, Dubai è anche paesaggi naturali mozzafiato. Una esperienza che rimarrà indelebile, è quella del tramonto nel deserto. Un qualcosa che merita veramente di essere visto e di essere vissuto.



300x250_Viaggi_combinati


La vita notturna a Dubai

Per trascorrere una divertente e rilassante vita notturna a Dubai, vi è una ampia scelta di locali notturni, bar e discoteche. Anche se per i non mussulmani è data facoltà di bere liberamente alcolici, è, tuttavia, bene ricordare che questi non vengono serviti ai minori di 21 anni. A tal proposito, è bene rammentare che vi sono procedure molto severe. Se, poi, si è bevuto anche solamente una birra, sarà bene non mettersi assolutamente alla guida, altrimenti si rischia la prigione.

Dove dormire a Dubai

Indubbiamente sul dove dormire a Dubai vi è solo l’imbarazzo della scelta. In generale, le strutture alberghiere sono di qualità e offrono una vasta gamma di prezzi. Tra le varie zone che si possono scegliere per dormire a Dubai, vi sono la Sheikh Zayed Road, Jumeirah e Deira, come pure vi sono molti altri alberghi nei pressi dei vari centri commerciali sparsi per la città.

Cosa mangiare a Dubai

Oltre che poter scegliere di mangiare in locali che propongono le migliori ricette della cucina internazionale, a Dubai ci si potrà anche dedicare a conoscere meglio i sapori e i gusti tipici della tradizionale cucina araba.

Tra i suoi principali punti di forza, spiccano cereali, legumi, frutta secca e spezie. Da assaggiare sono i falafel, la pita, il ful medames e la molokheia. Altre specialità, sono l’harees, il ghuzi e il machboos. Per gli amanti della cucina vegetariana, si suggerisce il tabbouleh. Se, invece, si volesse fare una tradizionale colazione, ci si potrà dedicare ad assaggiare il khabeesah oppure la mohalla. 

Come muoversi a Dubai

Vi sono infinite possibilità sul come muoversi a Dubai. Dagli autobus, alla metro, ai taxi, al noleggio con autista, Dubai propone molte possibili scelte, anche bus turistici per potersi godere comodamente un tour cittadino.

Quando andare a Dubai

Se si vuole programmare un viaggio a Dubai, i periodi migliori sono quelli che vanno dalla metà del mese di marzo fino alla metà del mese di aprile e tra novembre e gli inizi di dicembre. Di fatti, in questi periodi le temperature saranno accettabili e l’acqua del mare proporrà delle ideali condizioni.

Come arrivare a Dubai

Venezia Marco Polo, Roma Fiumicino, Milano Malpensa e l’aeroporto di Bologna, collegano direttamente l’Italia con Dubai, offrendo vari voli giornalieri.

Documenti necessari per andare in Dubai

Per turismo, i cittadini italiani che vanno negli Emirati Arabi, è sufficiente che siano provvisti di un passaporto che abbia una validità minima residua di 6 mesi.

Innamorarsi di Dubai, dunque, è davvero molto semplice. Centri commerciali, edifici e modernità, celano una città che offre anche un ampio spazio alla sua storia, alla sua tradizione, al suo più che tipico folclore. Non a caso, è una città scintillante sotto ogni punto di vista.

Un luogo che merita di essere visitato per poter vedere e ammirare, la sua architettura senza eguali, i suoi fantastici quartieri tradizionali e le sue isole artificiali che “crescono” lungo la sua incantevole costa. Dubai è la città dei tanti guinness, protesa sì al futuro, ma, senza per questo, dimenticare le sue origini e il suo passato.

Anche se le forze dell’ordine sfrecciano a bordo di Bugatti, Mc Laren, Bentleys, Porsche, Lamborghini e Ferrari, basta spostare lo sguardo per rimanere incantati dalla bellezza e dall’immensità del deserto dove, ancora oggi, il cammello è il più sicuro mezzo di locomozione.

In conclusione, un viaggio a Dubai sarà come vivere le emozioni dei racconti de “Le mille e una notte” e, nel contempo, essere proiettati nel futuro.


Ti piacerebbe avere un guadagno extra per poter viaggiare come faccio io ?Scopri come..CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO !


300x250_Viaggi_combinati

Il fascino misterioso di Bali

Valutazione complessiva livello di magia : 

    5/5

 

Lo charme di Bali ha dell’incredibile, è un eccezionale richiamo per una infinità di turisti che vi si recano in vacanza. D’altronde, pochi luoghi al mondo sanno donare paesaggi caratterizzati da vulcani attivi, risaie, ricche foreste e un mare a dir poco stupendo.

Bali - danzatrice

Isola appartenente all’Indonesia, Bali si trova nella parte dell’Equatore. Questa affascinante isola tropicale, quindi, è appartenente all’arcipelago noto come le Piccole Isole della Sonda, ed è separata dallo stretto di Bali da Giava. Nonostante il fatto che sia una tra le più frequentate mete turistiche, la peculiarità che affascina di Bali è il fatto che abbia saputo preservare la sua autenticità.

Con una temperatura annuale media di trenta gradi centigradi, è un perfetto luogo per trascorrere lietamente delle meritate vacanze all’insegna del divertimento, del relax, del sole e, ovviamente, del mare.

Quando andare a Bali

Isola felice e dalle mille bellezze, data la sua posizione il clima è una meta importante da prendere in considerazione. Infatti, il periodo migliore per andare a Bali è quello che dal mese di aprile va fino al mese di ottobre. Non a caso, in quel periodo dell’anno l’isola di Bali, per quel che verte il fattore climatico, offre a tutti i suoi visitatori una stagione fresca e secca.

bali - palazzo sull'acqua

Ovviamente, anche gli altri momenti dell’anno, non precludono affatto di poter trascorrere ugualmente una vacanza assolutamente piacevole. È, solo, da considerare che si potranno avere manifestazioni temporalesche più frequenti e, di conseguenza, un clima maggiormente umido.

Come arrivare a Bali

Arrivare a Bali non è affatto difficoltoso. Infatti, partono voli diretti sia in direzione di Bali e sia su Jakarta dalla gran parte delle capitali del continente europeo. Inoltre, è da considerare che l’isola di Bali gode di ottimi collegamenti con la restante parte dell’Indonesia.

A tal proposito, si ricordano, a puro titolo di esempio, i quotidiani voli per Lombok e per Java. Inoltre, da queste due località, è dato modo, oltre che di giungervi via area, anche di approdare all’ isola di Bali tramite degli ottimi collegamenti via mare.

Bali - tempio

I trasporti locali a Bali

Per quanto verte i collegamenti tra Kuta e il vicinissimo aeroporto internazionale di Ngurah Rai, si tratta di una distanza di poco superiore ai due chilometri, si potrà utilizzare comodamente i mezzi pubblici, oppure prenderne uno a nolo.

Per quanto riguarda il servizio taxi, è da ricordare che se ne potrà usufruire tanto a prezzo fisso quanto con tassametro.

In linea generale, i trasporti pubblici a Bali consistono, principalmente, nei tradizionali e classici bemo, ovvero originali minibus, oppure autobus e taxi.

Per chi optasse per prendere a nolo un mezzo per avere più libertà di girare per l’isola, è da ricordare che a Bali si guida alla sinistra, che il suono del clacson è una abitudine, come è pure consuetudine lasciare il passo ai mezzi che si immettono. Ovviamente, vi sono anche a disposizione apposite navette turistiche.

La cucina balinese

Da quella indonesiana, la cucina tipica di Bali è leggermente differente. Suoi tratti tipici, vengono ad essere caratterizzati dall’utilizzo di arachidi, della kecap manis, ovvero una particolare salsa di soia dolce, come pure per ingredienti quali il cocco e un largo impiego di varie spezie fresche.

Bali - spezie

La cucina balinese, in linea generale, propone del cibo che, precedentemente viene ad essere marinato con peperoncino, aglio, scalogno, zenzero, pesti a base di curcuma e altre spezie ancora, per, poi, essere, quasi sempre, cucinato al vapore oppure grigliato.

Oltre che proporre ottimi ristoranti, per chi desidera degustare la vera cucina balinese vi sono una infinità di tradizionali warung posizionati lungo le strade.

Invece, per quello che verte le sue tipiche bevande, troviamo il tè indonesiano, l’acqua di cocco e il classico kopi Bali, che è un caffè in polvere di produzione locale al quale viene ad essere aggiunto dello zucchero.



300x250_Viaggi_combinati


La cultura balinese

Famosa per la scultura, intaglio del legno, per la sua pittura e la sua cultura artistica, Bali offre il meglio di se presso la stupenda Ubud. La tradizionale musica balinese, invece, trova la sua massima espressione nel gamelan, mentre tra le danze balinesi più popolari troviamo, ad esempio, il kecak, il barong e il legong.

Sono davvero infinite le cerimonie che scandiscono la vita sull’isola di Bali e che propongono il meglio del folclore locale ad una infinita schiera di turisti tutto l’anno.

Infatti, è da ricordare che nella cultura balinese vi sono numerose feste e celebrazioni dedicate ai loro innumerevoli oltre ventimila templi presenti in tutto il territorio di Bali.

Bali - budda in legno

Cosa fare a Bali

Oltre che prendere il sole, surfare e fare bagni, sono infinite le cose che si possono fare a Bali. Infatti, oltre che praticare sport, è possibile lanciarsi in uno sfrenato shopping. Oltre che essere una vera e propria esplosione di profumi e colori, l’isola di Bali offre una eccezionale vita notturna.

Tra i più celebri locali dell’isola, si ricorda il Potato Head per degustare un fantastico Passion Fruit Mojito, il Rock Bar, un posto meravigliosamente bello per ammirare un incredibile tramonto direttamente sul mare. Altra tappa obbligata è il Ku De Ta.

Cosa vedere a Bali

Anche se Bali è nota per la sua infinità di magnifici resort lussuosi e immersi nel verde, l’isola offre al turista molte cose da vedere. Per esempio, il suo sistema di irrigazione, cioè il subak, sviluppato oltre mille anni fa nelle sue tipiche risaie a terrazzo, è uno di quei panorami che sono irrinunciabili, tant’è che nel 2012 è stato dall’Unesco, considerato un sito patrimonio dell’umanità.

Bali - risaie

Tra i suoi innumerevoli tempi, una visita è da fare è a quello di Petilan Pengerebongan come pure al tempio di Tanahlot. Conosciuto come Pura Luhur, il tempio di Uluwatu fa parte delle cose da vedere a Bali. Infatti, oltre che trovarsi su una delle più note spiagge, il tempio, risalente all’undicesimo secolo, si presenta come una maestosa struttura, collocata in un memorabile panorama arroccato, com’è su una ripida scogliera che si erge per settanta metri dall’Oceano Indiano. Pura Tanah Lot è celeberrimo come tempio per donare pace e serenità, oltre che per far parte della mitologia balinese.

Tappa obbligata è la visita è quella al tempio di Ulun Danu Bratan, che si affaccia sull’incantevole lago Bratan. Quindi, oltre che essere una eccezionale meta per rilassanti vacanze, l’isola di Bali propone una infinità di cose da vedere.

Bali - lago batran

Accanto alle più famose località di mare quali Nusa Dua, Seminyak, Jimbaran, Sanur e Kuta, infatti, si potrà trascorrere lietamente del tempo visitando Denpasar, la città più importante, magari ammirando uno dei suoi tanti monumenti come il complesso storico del Klung Royal Palace.

Altra località che merita attenzione è l’antica capitale ai tempi della colonizzazione olandese, ovvero Singaraja che si trova tranquillamente adagiata sul mare.

Invece, per chi ama l’avventura e non ama soggiornare presso i resort super organizzati, la meta preferita è Ubud, località posta nella parte centrale dell’isola e noto centro culturale e artistico.

Ovviamente, tra il cosa vedere a Bali, non possono mancare le sue mitiche spiagge come quella di Kuta Beach e Legian Beach. Per chi ama il surf è ottima Balangan Beach che si trova a non molta distanza da Kuta. Green Bowl Beach, nell’estremo sud di Bali è idonea per chi ama rilassarsi, Amed Beach, che si trova nella zona nord-est dell’isola, è indicata per tutti gli amanti di immersioni e di snorkeling. In conclusione, l’isola di Bali consente di rilassarsi e di vedere una infinità di cose meravigliose.

Bali - surf

Ti piacerebbe avere un guadagno extra per poter viaggiare come faccio io ? Scopri come..CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO !


300x250_Viaggi_combinati

 

Phuket, l’araba fenice thailandese

Valutazione complessiva livello di magia : 

lampada-magica-4    4/5

     Phuket, la più grande isola della Thailandia, nota anche come “terra del sorriso”, purtroppo vide scomparire quel sorriso quando il 26 dicembre 2004 venne distrutta dallo spaventoso tsunami che devastò l’Oceano Indiano. Un decennio dopo è però risorta dalle sue ceneri, come l’araba fenice, e ora è nuovamente una delle attrattive più rinomate per il turismo asiatico.

spiaggia phuket

Con orgoglio mostra le sue spiagge stupende, il mare cristallino, i boschi incontaminati e le colline da cui prende il nome. “Phuket” infatti deriva dal malese “bukit” il cui significato è appunto “collina”.

paesaggio phuket

Grazie alla sua fortunata posizione geografica Phuket si trovò sulla rotta commerciale tra India e Cina. Questo le guadagnò prestigio e indiscussi vantaggi economici, ma al contempo fu anche ambito trofeo di influenze straniere, proprio per il ruolo che rivestiva come punto di appoggio commerciale. A Phuket si ancoravano le navi in transito in attesa del termine della stagione dei monsoni. La natura incontaminata dell’interno fu una protezione per le popolazioni indigene che vi risedettero fino al XIX secolo, quando i minatori iniziarono ad occupare i loro territori. Lungo le spiagge invece vivevano gli zingari del mare, prevalentemente pirati e pescatori di perle. Ancora oggi si possono trovare nella forma originale i villaggi da loro costruiti, che prendono la distanza dall’industria del turismo, sopravvivendo soprattutto grazie alla pesca.

Fino agli anni 70 del secolo scorso il suo relativo isolamento, per via di mancanza di collegamenti con la terraferma, tenne Phuket al di fuori delle tipiche mete del turismo di massa. Poi le sue attrattive naturalistiche iniziarono ad attirare prima i turisti alla ricerca dei pochi angoli ancora incontaminati del paese, poi l’industria del turismo che la colonizzò negli ultimi anni del secolo scorso.

palma phuket

Come per ogni meta posta in quella particolare area geografica si consiglia al turista di prendere le precauzioni dovute al caso: controllare il periodo climatico più adatto per il viaggio e seguire scrupolosamente le norme igieniche e sanitarie previste.

Cosa visitare

Per chi volesse venire a contatto coi veri abitanti di Phuket il consiglio è di andare a visitare Rawai, un antico villaggio creato dagli zingari del mare che ha mantenuto inalterate le sue tradizioni economiche e culturali. Il mercato del pesce offre la più vasta scelta della zona e le perle vendute qui non si trovano da nessun’altra parte. Il villaggio è costruito nelle vicinanze di una delle più belle spiagge di Phuket: Rawai Beach da cui partono escursioni in barca per le vicine isole deserte (Bon, Kho Kaew, Kho Coral…).

barca phuket

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ma fra le spiagge che fanno a gara in bellezza ci sono anche: Nai Harn Beach, Kata Noi Beach, Freedom Beach e Kata Beach, solo per citarne alcune. I fondali incontaminati si prestano a quello che è uno degli sport preferiti dai turisti in visita: le immersioni e lo snorkeling.

cartelli phuket

spiaggia phuket

dscn8868

spiaggia phuket

spiaggia phuket

Una delle attrattive locali più note è la statua di buddha, alta ben 45 metri, interamente costruita in marmo bianco. Essendo il buddismo la religione di stato, Phuket presenta un buon numero di templi dagli arredi dorati e decorati.

buddha phuket

Ma accanto a questi si possono trovare anche rari esempi di architettura ortodossa, come la bellissima Holy Trinity Church che svetta ampia e maestosa nei suoi abbinamenti di bianco ed oro.

Le caratteristiche strade del centro sono vivacemente colorate e sempre molto affollate in un turbinio di odori e rumori. La città vecchia di Phuket è indimenticabile, un crogiuolo di culture diverse mescolate sembrerebbe a casaccio, dove possiamo trovare grandi palazzi coloniali, vicino a case in stile portoghese o circondati da piccole abitazioni di fattura asiatica.

Immancabile infine è lo Tsunami Memorial Park, dove la memoria si è fermata al ricordo di tutte le vittime spazzate via dall’acqua come un colpo di spugna. Punto nostalgico per non dimenticare.



300x250_Viaggi_combinati


Come arrivare sull’isola – Mezzi di trasporto

Phuket è raggiungibile per via area, facendo scalo a Bangkok. Il viaggio è particolarmente lungo (14-18 ore circa), ma è decisamente il modo migliore per raggiungere l’isola a meno che non si decida di esplorare la Thailandia in modo “più selvaggio” prendendo un autobus a Bangkok e raggiungendo Phuket via terra. Il viaggio è particolarmente lungo (circa 12 ore dalla capitale) ma i paesaggi mozzafiato che si incontreranno valgono decisamente la pena.

Una volta raggiunta l’isola poi ci si può spostare utilizzando i vari mezzi qua sotto elencati:

Autobus:

PRO: prezzi piuttosto bassi

CONTRO: tutte le linee collegano esclusivamente Phuket Town con le principali spiagge, ma non è possibile spostarsi da una spiaggia all’altra. Se uno volesse cambiare spiaggia deve prima tornare a Phuket Town e prendere l’autobus per un’altra spiaggia

Songthaew (autobus tradizionali e tipici dell’isola):

PRO: si prendono dal terminal di Phuket e non hanno fermate stabilite ma portano alla meta desiderata dal passeggero

CONTRO: se si scende in un punto isolato è più difficile il ritorno

Tuk-tuk (che assomigliano un po’ a dei minivan e spiccano per il loro colore rosso):

PRO: si muovono agevolmente nel traffico

CONTRO: spesso gli autisti dei tuk tuk si sono resi rei di truffe ai danni dei turisti. Non essendoci un tassametro è necessario concordare prima la tariffa per raggiungere la destinazione desiderata

tuk tuk

Taxi:

PRO: sono la soluzione migliore perché oltre ad essere più sicuri sono anche i più economici fra i servizi di trasporto privato, purché siano quelli ufficiali (i taxi non ufficiali sono spesso convenzionati con gli hotel che li consigliano, ma sono i più costosi)

CONTRO: sono molto pochi e spesso è difficile trovarli

Moto taxi (riconoscibili dal giubbotto verde o rosso, numerato, indossato dall’autista):

PRO: sono i più veloci e i più economici in assoluto

CONTRO: vanno bene per spostamenti brevi ma per itinerari lunghi sono scomodi e anche poco sicuri

Noleggio auto o moto:

PRO: assoluta libertà di movimento

CONTRO: a Phuket si registrano tantissimi incidenti e quindi è indispensabile avere un’assicurazione casco che copre ogni tipo di situazione. Inoltre bisogna ricordarsi che a Phuket, come nel resto della Thailandia, la guida è a sinistra

Longtail boat (tipiche imbarcazioni dalla forma lunga e stretta diventata simbolo della Thailandia):

PRO: permettono di raggiungere le isole deserte e le spiagge incontaminate non raggiungibili in altro modo. Il panorama che si può gustare da questo mezzo è di incomparabile bellezza

CONTRO: direi nessuno, a patto che non si soffra il mal di mare

Cosa mangiare

La cucina Thailandese è molto nota ma non sempre adatta a tutti i palati a causa dell’elevata piccantezza che spesso la caratterizza. I thailandesi hanno la rara capacità di rendere unico anche il piatto più povero grazie alla maestria con la quale intagliano e decorano i vari alimenti. Alla base della cucina thailandese ci sono soprattutto la frutta e il pesce. Il riso si accompagna ad ogni piatto (un po’ come da noi è per il pane).

I piatti più conosciuti e più golosi sono:

  • il PadTai: pasta con gamberetti (o pollo), noccioline tritate e verdure;
  • il Tom Yum Kung: zuppa di erbe e pollo o frutti di mare, particolarmente piccante;
  • Il Som Tum: un mix di papaya, gamberetti e noccioline, uno dei piatti più piccanti in assoluto.

Comunque per chi non amasse la cucina thailandese, che merita però decisamente almeno un assaggio, ci sono un gran numero di pizzerie e altri ristoranti stranieri.

Dove dormire

Sull’isola di Phuket c’è una gran quantità di alberghi adatti ad ogni gusto e ad ogni tasca. Di hotel economici ce ne sono in gran numero, ma se si vuol proprio risparmiare al massimo, si consigliano le guesthouse o i bungalow sparsi un po’ su tutta l’isola. Queste ultime soluzioni sono più adatte ai giovani che vogliono viaggiare senza vincoli di orari o norme particolari da rispettare. Mentre per le famiglie si raccomandano soprattutto gli hotel.

Per chi è alla ricerca di vita mondana si consiglia di soggiornare a Patong, mentre chi è in cerca di tranquillità è bene che opti per Kata o Karon. Qui si trovano i grandi resort, dai più relativamente “economici” a quelli di lusso e da sogno.

Phuket è un angolo di paradiso sulla terra, sporcato purtroppo da quella che è una delle aberrazioni portate dal turismo di massa unito alla profonda povertà della popolazione locale: quello che comunemente viene definito “turismo sessuale” ma che nulla ha del turismo. Per questo motivo chi vuole prendere le distanze da questo sfruttamento di donne, o spesso bambine, è bene che si tenga a distanza da alcune zone, soprattutto da Patong.

patong

patong

img_20150805_162714

patong

 

Vuoi essere pagato mentre viaggi per il mondo come faccio io ? Clicca sul pulsante verde qui sotto  : – )


300x250_Viaggi_combinati

Bangkok – la metropoli dalle mille sfumature

Valutazione complessiva livello di magia : 

lampada-magica-3     3/5

 

BREVE STORIA

Bangkok divenne capitale della Thailandia, soltanto nel 1782, fondata dal re Rama, capostipite dell’attuale dinastia reale, che la scelse per la sua posizione strategica sul fiume Chao Phraya e la vicinanza al mare.

Fino ad allora, era un piccolo villaggio di pescatori chiamato Bang Makok, dove risiedeva anche una comunità di commercianti cinesi che serviva la città di Ayutthaya, antica capitale del Siam (l’attuale Thailandia, appunto).

In poco più di 200 anni, Bangkok è diventata una megalopoli, con oltre 15 milioni di abitanti, centro culturale, amministrativo, commerciale e turistico del paese, dove le tradizioni più antiche incontrano armoniosamente quelle più moderne.

Muoversi a Bangkok

TUK TUK

E’ un veicolo motorizzato a 3 ruote, aperto lateralmente, dotato posteriormente di una panca a 3 posti per i passeggeri.

  • PRO: economico (è consigliabile comunque trattare il prezzo con l’autista); spostamenti veloci.

  • CONTRO: esposizione all’inquinamento causato dal traffico caotico; gli autisti tendono ad allungare il giro, facendo frequenti fermate concordate con alcuni negozianti locali, di conseguenza è utile chiarire subito di non desiderare fermate intermedie; pericoloso in caso di incidenti.

TAXI

  • PRO: economico; si può fermare un taxi libero (con luce rossa accesa) con un solo gesto della mano; numerosissimi taxi in circolazione.

  • CONTRO: spostamenti lenti nelle ore di punta (lavorative, scolastiche); diffidare dei taxi non dotati di tassametro (meter).

Esistono anche i moto taxi, numerosi, economici ma piuttosto pericolosi poiché si muovono velocemente nel traffico disordinato.

BTS SKYTRAIN

E’ una ferrovia sopraelevata che comprende 2 linee che si incontrano alla stazione Siam (il centro di Bangkok).

  • PRO: spostamenti veloci; è collegata ai mezzi che conducono all’aeroporto internazionale (Suvarnabhumi) e alla stazione Payathai; è separata dalla metropolitana ma vi sono dei punti di collegamento; le stazioni sono in corrispondenza dei luoghi più importanti della città; i biglietti possono essere acquistati presso i distributori automatici nelle stazioni.

  • CONTRO: affollata nelle ore di punta (lavorative, scolastiche).

METROPOLITANA (MRT-Subway) – 1 sola linea

  • PRO: spostamenti veloci; i distributori accettano banconote e non emettono biglietti ma gettoni colorati.

  • CONTRO: affollata nelle ore di punta (lavorative, scolastiche).

NAVIGAZIONE SU FIUME E CANALI

  • PRO: spostamenti veloci; passaggi frequenti e anche notturni; linee capillari; scoperta di luoghi normalmente poco visibili da altre prospettive.

  • CONTRO: possibili schizzi di acqua, a volte molto torbida; panche in legno e mancanza di parapetti.

BUS:

  • PRO: economici; frequenti.

  • CONTRO: difficile capire i percorsi; lenti e affollati nelle ore di punta (lavorative, scolastiche).

MANGIARE A BANGKOK

La cucina thailandese è una delle migliori al mondo: una miscela di sapori aromatici e speziati che la rendono unica e inconfondibile.

Bangkok è, quindi, costellata di ristoranti di ogni tipo e categoria, a partire da quelli più semplici ed economici a quelli più sofisticati.

I piatti generalmente sono a base di riso, unito a pesce, frutti di mare, carne, verdure, fritti o immersi in una zuppa, sempre speziata e piccante con accostamenti molto particolari di erbe e frutti.

A Bangkok, così come in ogni altra parte della Thailandia, per strada si possono trovare innumerevoli ‘carrettini’ che propongono ogni genere di cibo, ad ogni ora del giorno e della notte, a prezzi decisamente bassi.

Certamente l’igiene non è sempre assicurata in simili contesti ma alcune bancarelle espongono una certificazione di qualità rilasciata dall’autorità locale e quindi non vale la pena privarsi di una tale esperienza gastronomica.

Una valida alternativa ai ristoranti, più economica, sono i Food Court, presenti nei centri commerciali che si possono trovare presso le fermate dello Skyline e della metropolitana e dove si possono assaporare le specialità thailandesi, oltre a quelle internazionali, se si ha nostalgia dei sapori di casa.

KHAOSAN ROAD

E’ una strada corta ma molto popolare di Bangkok, meta di residenti e di turisti di ogni genere e provenienza perché è facile trovarvi alloggi economici. E’ un punto di incontro anche per studenti e viaggiatori con ‘zaino in spalla’ che si scambiano esperienze e programmano le successive tappe.

La strada è sempre molto vivace, rumorosa, affollata di turisti che guardano le vetrine dei negozi, contrattano nel mercato il prezzo della merce, che si rigenerano con famosissimi massaggi thailandesi o che consumano cibo venduto dalle bancarelle.Anche la vita notturna è molto esuberante in questa strada grazie ai locali notturni, alcuni solo per adulti, discoteche, bar con musica, tutti concentrati in meno di 1 Km.

Da Khaosan Road, inoltre, è facile spostarsi per raggiungere gli altri punti interessanti della città.

MONUMENTO ALLA DEMOCRAZIA (Democracy Monument)

Sorge in centro, quasi al confine tra la parte antica e quella moderna della città. Dedicato alla democrazia per commemorare lo storico passaggio, concesso su costrizione da re Rama VII, dalla monarchia assoluta a quella costituzionale nel 1932, è stato progettato con la collaborazione di uno scultore italiano, Corrado Feroci, naturalizzato thailandese. E’ composto da 4 ali, alte 24 metri, per ricordare il 24 giugno, giorno in cui iniziò la rivoluzione che portò alla democrazia.

MONUMENTO ALLA VITTORIA (Victory Monument)

Sorge in una zona centrale di Bangkok, in un’ampia piazza dal 1941. E’ commemorativo dei caduti thailandesi nel conflitto che ha visto la vittoria del paese contro i colonialisti dell’Indocina francese. Successivamente, sono stati aggiunti sul basamento i nomi dei caduti thailandesi della seconda guerra mondiale e di quella coreana. Anche questo monumento fu disegnato dallo scultore Corrado Feroci, naturalizzato thailandese.

TEMPIO DEL BUDDHA DI SMERALDO (WAT PHRA KAEW) E IL GRANDE PALAZZO REALE

Il tempio fa parte del Grande Palazzo Reale e fu voluto dal re Rama I nel 1785, per custodire un piccolo Buddha su un trono dorato.

 La provenienza di questa scultura antica e venerata non è certa: chi la vuole originaria dell’India addirittura nel 43 a.C., chi ad alcuni artisti del XV secolo. In ogni caso, questa icona religiosa, passò di mano in mano e da posti remoti fino a trovare la sua collocazione definitiva nel tempio di Bangkok, luogo di pellegrinaggio per gli abitanti di tutta la Thailandia.

Contrariamente al nome che gli è stato attribuito, il Buddha non è ornato di smeraldi ma è stato realizzato in pietra di colore verde, la giada. Le vesti dorate vengono cambiate 3 volte all’anno (al cambiare delle stagioni) personalmente dal re o da suoi stretti collaboratori.

Il Grande Palazzo Reale che lo custodisce, è un insieme di edifici, quasi una città nella città, affacciato sul fiume Chao Phraya, nonché la residenza del sovrano thailandese dal 1785. E’ l’espressione massima dell’architettura thailandese che comprende templi, palazzi e cappelle.

RELIGIONE

Circa il 90% della popolazione segue il Buddismo della scuola Theravada, religione che si fonda sui principi di pace e di tolleranza.Di conseguenza convivono pacificamente anche altre minoranze religiose quali Musulmani, Induisti, Sikhs Ebrei e Cristiani.

Bangkok Bangkok Bangkok Bangkok

Vuoi essere pagato mentre viaggi per il mondo come faccio io ? Clicca sul pulsante verde qui sotto   🙂